sabato 1 agosto 2015

Međugorje, sabato 1 agosto 2015, 2° giorno del 26° Mladifest

 

Međugorje, sabato 1 agosto 2015, 2° giorno del 26° Mladifest: dopo la mattinata, il canto finale "Viva Maria"

 

 

Međugorje, 2° giorno del 26° Mladifest: sabato 1 agosto 2015, omelia di fra Stanko Ćosić, della Santa Messa serale.

 

 

Međugorje, sabato 1 agosto 2015, 2° giorno del 26° Mladifest: testimonianza pomeridiana del veggente Jakov Čolo.

 

 

Fonte: Youtube, Maria Pia Rameletti

26° Mladifest–alcune foto

11813292_10205685945601454_4682815315146212218_n11816141_1597498817180436_8478021614392304807_o11822495_10205685945001439_7942795700196571435_n11825973_870854302951208_2117622094381766090_n11828574_870853349617970_8682956261453908646_n.facebook_1438414602699.facebook_1438414618990.facebook_143841472190911731963_870843102952328_3054401069368817188_o11732001_1597498807180437_8194905511256721465_o11811486_10205685945961463_4607922329259317107_n11811518_10205685944321422_2753389611668574927_n

11794502_870816199621685_5186739030892190367_o

Međugorje, Inizio del 26° Mladifest: venerdì 31 luglio 2015, omelia di fra Miljenko Šteko, della Santa Messa serale.

 

2 - 3 - 4 agosto 2015

Cari amici, con grande gioia ci prepariamo al compleanno della nostra cara Madre Regina della Pace. Lei stessa ci ha rivelato che la data esatta della sua nascita è il 5 Agosto e quest'anno celebriamo il 2031° anno. Certo siamo chiamati, insieme a tutta la Chiesa, a festeggiare liturgicamente la natività di Maria ogni 8 settembre, ma in modo affettuoso vogliamo approfittare di questo dono che la Regina della Pace ci ha fatto nell'indicarci la data esatta del suo compleanno.

ARRZ7KTCA131KKXCAM6QCI5CAFN5FFVCA3E6UZBCA2TMIG7CANGGV3QCA206NT1CABQY7N9CA8UAY1QCAQAZ0UJCAD35IQ8CA84MSTTCA6RBNHLCA9MTZJVCA2SLUT5CAUPFBHTCA

"Il cinque agosto prossimo si celebri il secondo millennio della mia nascita. Per quel giorno Dio mi permette di donarvi grazie particolari e di dare al mondo una speciale benedizione. Vi chiedo di prepararvi intensamente con tre giorni da dedicare esclusivamente a me. In quei giorni non lavorate. Prendete la vostra corona del rosario e pregate. Digiunate a pane e acqua. Nel corso di tutti questi secoli mi sono dedicata completamente a voi:  è troppo se adesso vi chiedo di dedicare almeno tre giorni a me?" (Messaggio del 1° agosto 1984)

Fonte: IdM

venerdì 31 luglio 2015

Com' è giunta a Medjugorje la sua scultura del Gesù Risorto?

A Medjugorje avviene qualcosa di grande - Intervista con Andrei Ajdic –scultore

Lei è un artista sloveno e mi interessa soprattutto sapere come è venuto in contatto con Medjugorje.
Avevo sentito parlare di Medjugorje già agli inizi, nel 1981, quando è apparsa la Madonna. A quel tempo gli Sloveni hanno fabbricato tanti souvenirs per Medjugorje ed io, come artista, avevo questi oggetti fra le mani. Questo fu il mio primo contatto con Medjugorje. Il secondo contatto, quello giusto, è avvenuto quando mi sono recato di persona a Medjugorje. Questo viaggio è stato possibile grazie ad un mio carissimo amico, Slavo Nemanic Era giudice istruttore a Celje e nel 1996 mi ha portato per la prima volta a Medjugorje.

Quando sono arrivato a Medjugorje, la mia prima impressione è stata di meraviglia perché tutto si svolgeva ad un ritmo veloce e regnava su tutto il potere del commercio. Ma poiché avevo visitato anche altri famosi santuari dove si radunano molti pellegrini, come Lourdes e Fatima, ho visto che dovunque è la stessa cosa. Eppure dovunque ho vissuto una pace speciale, proprio quella pace di Dio che si trova nel pieno silenzio.

In conclusione posso dunque dire che a Medjugorje avviene qualcosa di grande.
Lei ha fatto una bellissima scultura del “Gesù Cristo Risorto” che ha innalzato a Medjugorje. Che cosa ci può dire di questa scultura?
Parlando della mia scultura “Gesù Risorto”, vorrei dirvi innanzitutto che non sono un cristiano nel senso classico. Perciò anche come artista non sono rimasto nell’ambito classico della contemplazione della croce, a differenza di quegli artisti che hanno davanti a sé sempre un'immagine tradizionale, classica, di Gesù sulla croce e della Sua resurrezione. Fino ad oggi artisti hanno fatto una croce secondo questo stile tradizionale, e di queste croci ce ne sono tantissime.

La mia scultura del “Gesù Risorto” mostra qualcosa di nuovo e si differenzia completamente dalle altre. Ho cercato di abbandonare l’ambito della contemplazione classica, tradizionale. Il mio Gesù è sollevato e simboleggia allo stesso tempo Gesù sulla croce, che è rimasto sulla terra, e il Risorto, poiché si regge senza croce.

In quella parte di croce che giace a terra si può vedere l’impronta del corpo. Il corpo stesso è sollevato. In questo consiste la grandezza, perché in questa raffigurazione vengono mostrati due diversi misteri. Quest’opera è il primo tentativo di un artista-scultore di esprimere una tale raffigurazione. Fino ad oggi ci sono stati molti pittori che hanno raffigurato separatamente questo mistero con dei quadri, ma fino ad ora nessuno aveva fatto una scultura della resurrezione.
Quando ha cominciato a lavorare a questa scultura?
Ho fatto il disegno di questa croce nel 1990. La scultura così come la vedete oggi è stata fusa nel 1991. Quando ho tenuto un’esposizione delle mie sculture in Germania, la scultura del Gesù Risorto fu acquistata dalla Chiesa a Bonn e in altre città tedesche. Tutti hanno ammirato questa scultura. A quel tempo avevo in esposizione più di 40 sculture diverse, ma i visitatori si fermavano soprattutto davanti alla scultura del Gesù Risorto. Qualcosa deve averli toccati in modo particolare, poiché si fermavano davanti a questa scultura e meditavano a lungo.

Così la mia scultura acquistò interesse molto velocemente e arrivò ai dignitari ecclesiastici. Quando nel 1996 Papa Giovanni Paolo II venne in Slovenia, la Chiesa slovena ha voluto che fabbricassi questa croce in argento per poterla offrire al Papa come ricordo della sua visita.

In quel periodo Rode, nostro attuale Vescovo di Laibach, era ministro della cultura a Roma. Quando è diventato Vescovo di Lubiana, ci siamo incontrati e mi ha detto che tutti in Vaticano erano entusiasti del modo in cui era stato raffigurato Gesù Risorto, perché questa scultura aveva in sé qualcosa di speciale.
Può dirci come è giunta a Medjugorje la sua scultura del Gesù Risorto?
Quando nel 1996 ho visitato per la prima volta Medjugorje con il mo amico Slavo Nemanic, ho portato con me anche la scultura di Gesù Risorto per mostrarla ai sacerdoti. Allora era parroco padre Ivan Landeka e il provinciale era padre Tomislav Pervan. Quando videro la scultura, ne rimasero veramente entusiasti e la vollero avere anche a Medjugorje.

Questo progetto è costato circa 300.000 euro ed è stato finanziato da uno sloveno ed un ebreo che viveva a Genf. Allora fui particolarmente contento che questa scultura sarebbe stata proprio in un luogo dove arrivano tantissimi pellegrini da tutto il mondo.

La scultura del Gesù Risorto a Medjugorje si addice al luogo dove si trova. Dietro Gesù si vede un grande pezzo di cielo e questo è stato anche un mio grande desiderio quando è stata eretta, affinché la croce acquistasse più significato. Oggi la scultura ha una grande importanza soprattutto per i disabili e per coloro che non possono salire lungo la via crucis sul Krizevac.
Ma come è arrivato all’idea di una tale scultura, che mostra una tendenza totalmente nuova?
Sono arrivato a questa idea del tutto casualmente. Mentre modellavo qualcosa con la creta, avevo in mano il corpo di Mestrovic. D’un tratto la croce è caduta nella creta. Mi sono spaventato e ho tolto velocemente il corpo fuori dalla creta. Poi ho notato improvvisamente la figura di Gesù che si era impressa nella creta. E’ stato un attimo che ha avuto un significato decisivo, tanto che in seguito ho disegnato qualcosa di simile e ci ho lavorato sopra. Vede, vorrei dire proprio questo: è stato per me un evento del tutto fortuito e allo stesso tempo anche un grande segno che ha lasciato in me tracce profonde

Oggi sono molto contento di aver visto un tale segno e di avergli potuto dare espressione. Qualcosa di simile è già accaduto a molti artisti; mi chiedo solo quanti di loro sono stati tanto attenti da riconoscerlo.
Come giudica, da artista, questa scultura?
La croce che giace a terra non si vede, perché è per terra, e per me il significato della croce è molto più grande. Se si solleva la croce senza corpo, si vede solo un impronta della figura di Gesù in croce, perché Gesù è salito in Cielo. Per questo la scultura si chiama proprio “Gesù Risorto”, perché la nuova vita appartiene al Cielo. Sulla Croce è rimasta solo una traccia di Gesù crocifisso, e questo è il momento che ho colto e che entusiasma tutti quelli che vedono questa scultura.

Al Vaticano molti sono rimasti colpiti proprio da questo momento della raffigurazione della risurrezione, con l’accenno alla croce che resta a terra e mostra solo un’impronta del corpo di Gesù, mentre il corpo di Cristo è salito in Cielo. Anche Gesù se n’è andato e ci ha lasciato un grande segno sulla terra. Tutti sappiamo che Cristo è stato uomo ed ha avuto un corpo umano. Chi osserva l’impronta impressa in questa croce, può immaginarsi da solo il suo Cristo, perché l’impronta glielo permette.

Lei sa che alcuni anni fa delle gocce d’acqua hanno cominciato a gocciolare dalla sua scultura. Proprio lei che l’ha creata, che cosa pensa di questo fenomeno?
Quando ho sentito dire che dalla scultura usciva acqua, sono rimasto veramente sorpreso. Si tratta probabilmente di un qualche fenomeno fisico. Io stesso ho innalzato la croce ed è senz’altro possibile che questo accada. Non ci vorrei speculare sopra, poiché ci sono altri scienziati che possono esaminare il fenomeno. Posso dire solo una cosa: durante il trasporto l’intera scultura è stata smontata in quattro parti. La croce che resta a terra era costituita da due parti, e così il corpo. Quando ho innalzato la parte inferiore, ho fissato al suolo dei grossi cavi d’acciaio dalle gambe fino ad una profondità di 2-3 metri ed ho riempito tutta la scultura di calcestruzzo. Ho anche collegato la scultura ad un parafulmine centrale in modo che, se dovesse cadere un fulmine, la scultura non si fonda per il troppo calore. Abbiamo innalzato la croce nel 1998.
Che cosa prova quando pensa che la sua opera si trova a Medjugorje, dove giungono tanti pellegrini che pregano davanti a questa croce?
Penso di aver creato qualcosa di grande, perché con questa scultura ho scosso il modo tradizionale con cui la Chiesa guardava alla croce e alla resurrezione. Quando ho eretto la croce a Medjugorje, io stesso ho imparato molte cose. Mentre ancora stavo innalzando la croce, ogni giorno veniva un africano e osservava ogni nostro gesto. Ma questo non mi ha colpito tanto quanto un’altra immagine. Quando avevamo quasi completato il montaggio della scultura, sono venute tre donne che si sono inginocchiate davanti alla croce ed hanno cominciato a pregare. Erano tre indiane del Canada e questa scena mi ha incredibilmente commosso. Venivano da un altro continente e da un’altra religione, eppure hanno pregato davanti alla croce perché in questa croce hanno percepito qualcosa di grande. Ricordo bene anche un altro evento interessante. Dopo la solenne inaugurazione e benedizione della croce a Pasqua del 1998, venne da me una contadina che mi diede un uovo dicendo: “Grazie per averci portato questa croce!”. Per me questo ha significato più di tante altre cose che allora furono dette sulla croce nei giornali e negli altri mezzi di comunicazione. Proprio questo segno di una vecchia donna è stato per me così importante perché so che è venuto dal cuore. Questi sono stati alcuni degli avvenimenti e delle sensazioni che sono rimaste in me fino ad oggi e a cui penserò sempre. Questa è la ricompensa per qualcosa che ho fatto e che ha un significato molto più grande del denaro che si guadagna e poi si spende, senza che ne resti nulla.

Slovenia, 30 gennaio 2004
Art. tratto dalla mailing list Informazioni da Medjugorje
Fonte:http://medjugorje.altervista.org/doc/testimonianze/043-grande.php

Fonte Medjugorje tutti i giorni